Tipologie di viaggio

Una delle differenze tra il cicloturismo e il turismo tradizionale è la possibilità di spostarsi più velocemente ed economicamente nel territorio. Infatti se il turismo tradizionale si svolge a piedi tra le vie di una città, medie e lunghe distanze devono essere coperte con altri mezzi (treni, pullman, auto…), nel turismo in bicicletta, invece, ha nel suo stesso concetto la possibilità di percorrere medie e lunghe distanze.

Fondamentalmente ci sono due tipologie di viaggio quella a “petalo” e quella itinerante ed entrambe possono svolgersi in intermodalità.

Viaggio a “petalo” o a “stella”:

questo tipo di viaggio va organizzando trovando una sistemazione “base” che farà da centro del fiore o della stella. La “base” non è altro che una struttura ricettiva (albergo, bb, etc..) dove si arriva il primo giorno, si posano i bagagli e si ritornerà ogni sera a dormire.

Questo modo di organizzare il viaggio è il più comodo, in quanto permette di lasciare i bagagli e non doverli portare di volta in volta con sé. Inoltre prenotando per più pernottamenti molte strutture ricettive effettuano piccoli ma significativi sconti.
La scelta della base varia molto dal tipo di pedaltori e dal territorio, facendo un piccolo esempio nel territorio del palermitano l’ideale potrebbe essere: base a Palermo e andare a fare il bagno a Terrasini, a meno di 50 km dalla città per poter rientrare sempre in bici nel pomeriggio.

Con l’intermodalità bici+treno è possibile allontanarsi anche molto di più per poi ritornare in treno, infatti in Sicilia tutti i soci FIAB, WWF e Legambiente possono usufruire di un biglietto scontatto per il trasporto della bici su treni regionali.

Viaggio itinerante:

viaggio itinerante

Come dice la parola stessa, è un viaggio in cui ci si sposta lungo un itinerario e quindi prevede tante tappe.
L’organizzazione di questo viaggio più essere molto complesso ma permette di pedalare tanto e godere di panorami che variano.

Facendo più tappe è necessario cambiare di sera in sera il luogo dove pernottare e di conseguenza i bagagli devono viaggiare lungo l’itinerario e questo è possibile grazie all’utilizzo di borse adatte per il cicloturismo oppure grazie ad alcune agenzie che offrono il servizio del trasporto bagagli nell’organizzazione dei tour.

Un viaggio itinerante si può organizzare in due modi: lineare o ad anello.
In un viaggio organizzato ad anello prevede che il luogo di partenza coincida anche con il luogo di arrivo, mentre in un viaggio lineare la tappa finale è diversa da quella iniziale e spesso si ricorre ancora alla formula bici+treno per riprendere il mezzo (aereo, treno, camper…) con il quale si è arrivati.
Un’altra comodità della formula bici+treno è quella di poter saltare alcune zone per saltare a tappe principali.

Lascia un commento

ottobre 6, 2009

Leave a Comment