Pedalare con la tecnologia indossabile

Già in passato abbiamo suggerito su questo blog come utilizzare il proprio smartphone come strumento che accompagni le nostre pedalate, dalle app per tracciare e seguire i percorsi a quelle con i tutorial per riparare la bici, ma il futuro della tecnologia supera lo smartphone e diventa “wearable”, ovvero, indossabile. I più conosciuti sono i braccialetti e gli smartwatch che fungono in qualche modo da cardiofrequenzimetro, conta passi e misuratore del sonno.

Al CES di Las Vegas (salone di elettronica destinata al consumo) non mancano idee pensate proprio per i ciclisti tra cui vίvoactive, smartwatch di Garmin che contiene un GPS, o i pedali intelligenti di Connect Cycle che non solo misurano i parametri che interessano a noi ciclisti, ma funge anche da antifurto, avendo anch’essi un gps integrato.

Inoltre è stato presentato anche un giubbino ad alta visibilità con dei rilevatori di pericoli che renderà sicure le nostre pedalate. Nei comunicati stampa in giro il prodotto è stato erroneamente chiamato Visuax, e così viene riportato in tutti i siti di informazione, ma non ne trovate traccia altrove per l’acquisto. Un’attenta lettura del roll up nella foto del Corriere e si legge chiaramente il nome corretto del produttore, ovvero VisiJax.

_dsc2050-highlight-copy

gennaio 6, 2015

Posted In: Equipaggiamento, Senza categoria, Uncategorized

Tag:, , , , , , , , , ,